Problemi interni ed esterni alla sagra della salsiccia

E’ iniziata ieri sera la 12esima edizione della sagra della salsiccia di Monte San Biagio, anche se non c’è stata una grande affluenza di pubblico, minore anche alle precedenti edizioni; il Consorzio ha inviato un comunicato stampa che rinvia il concerto di stasera di Eugenio Bennato al 13 marzo presso il centro storico del paese, durante quella che sarà la novità di quest’anno, cioè la seconda fase della sagra, come già detto nell’articolo del 03 marzo.

sagra della Salsiccia 2016

Capiamo che sono contrattempi che possono capitare in una manifestazione che si tiene in pieno inverno, ma i problemi non sono finiti, poichè due dei più importanti produttori della salsiccia tipica si sono esclusi dalla sagra di quest’anno, in piena autonomia spiegandone le motivazioni in un comunicato stampa, divulgato anche su Facebook, che noi riportiamo integralmente:

La sagra della salsiccia di Monte San Biagio da 11 anni è una delle manifestazioni gastronomiche più importanti della Regione Lazio dedicata alla sponsorizzazione e conoscenza di uno dei prodotti di eccellenza e più caratteristico di Monte San Baigio, è ormai da tempo conosciuta in quasi tutto il territorio Nazionale e non solo. L’evento giunto ormai alla sua 12° edizione va di anno in anno perdendo la sua tradizione in quanto nato nel centro storico del paese in coincidenza con la festa del patrono, dove i vari produttori della famigerata salsiccia con orgoglio facevano degustare tale prodotto a tutte le persone intervenute all’evento, e ne mostravano la lavorazione e le caratteristiche che rendono la salsiccia di Monte San Biagio unica nel suo genere, si è giunto ad oggi dove la sagra verte solo ed esclusivamente in una festa dove il consumismo finalizzato a un proprio tornaconto gioca da unico protagonista, e dove si può degustare la salsiccia di un unico produttore. Questo è il motivo per cui La Macelleria Colabello Rachele e l’Antica Norcineria dal Monticellano di Raso Vincenzo nonostante facenti parte ancora del Consorzio Salsiccia di Monte San Biagio e ritenendo lo stesso fondamentale per la tutela del prodotto e per la sua valorizzazione, ma allo stesso tempo non condividendo le finalità di questo evento che oggi non solo non rispondono più alle aspettative di produttori locali, ma che potrebbe mettere a rischio anche il futuro del marchio stesso e del marchio Europeo di qualità I.G.P non parteciperanno alla 12° Sagra della salsiccia con l’auspicio che in un futuro prossimo si riesca a tornare alla piena condivisione e alla piena collaborazione per l’organizzazione dell’evento.

Comunicato Stampa Antica Norcineria dal Monticellano e Macelleria Colabello Rachele

Purtroppo dal mio punto di vista personale, non posso dargli torto, dato che la valorizzazione della salsiccia tipica è diventata solo un unica manifestazione ‘La Sagra’, quando per promuovere un prodotto come il nostro, che ritengo uno dei migliori prodotti tipici italiani (la mangerei tutti i giorni, estate compresa) non basterebbe una sagra al mese in ogni regione d’Italia.

Aspettiamo i vostri commenti anche per renderci partecipi del vostro pensiero, sia su questa problematica che sulla sagra in generale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code